Back to Blog

ManagerIl lavoro del musicista è realizzare un bel disco e suonarlo al meglio durante le sue esibizioni live; concentrandosi solo su questi elementi, potrà costruirsi un pubblico solido e fedele in costante aumento. I singoli membri della band, soprattutto se emergenti, potranno dividersi alcuni compiti, ma avranno sempre dei problemi di gestione per via della poca esperienza e, sopratutto, del poco tempo a disposizione per accentrare il tutto.
Quando si suona nell’underground non si può vivere di sola musica quindi, molto spesso, quest’ultima è una passione che si coltiva con molta costanza e determinazione ma, purtroppo, solo dopo l’orario di lavoro o di studio.

Una volta finita la pre-produzione del disco s’inizia a pensare a dove registrarlo. Mentre si è in studio, si pensa a che etichetta mandarlo, poi all’agenzia di Booking che dovrà aiutarci a trovare le date live, in seguito poi all’ufficio stampa che farà promozione del nostro lavoro. Insomma, il musicista, mentre pensa alle sue nuove melodie o mentre sta registrando, non può permettersi di perdere tempo dietro a tutto ciò ed è qui che entra in gioco la figura del Manager.

Vediamo assieme i 6 motivi per cui un musicista, anche emergente, ha bisogno di un Manager:

1 – Coordinatore
Il Manager coordina tutte le figure con le quali la band collabora. Gli altri elementi della band, devono considerarlo uno di loro e parte integrante della band stessa. È chi si preoccupa che ognuno esegua in modo impeccabile il proprio lavoro e ne risponda in prima persona se qualcosa dovesse andare storto.

2 – Professionista del settore
Conosce in modo dettagliato il mondo discografico, le etichette e il loro funzionamento. Deve avere esperienza di produzione live, conoscere il marketing musicale, avere esperienza di produzione discografica, essere esperto di contratti, conoscere tutte le dinamiche di produzione radiofonica, televisiva e di stampa.

3 – Crescita Artistica e Professionale
Il manager è chi vi aiuta nella vostra crescita artistica e professionale; sa consigliarvi come comporre al meglio il vostro disco e quando farlo uscire. Vi aiuta nella ricerca delle etichette, agenzie di booking e ufficio stampa.

4 – Fa da “Mammo”
Si preoccupa che tutto ciò di cui avrete bisogno durante la vostra esibizione live sia presente in loco. Conosce ogni minimo dettaglio della band; voi gli esponete le vostre esigenze, o necessità, e lui parlerà per voi con tutte le altre figure che sono coinvolte nel progetto e viceversa. Spesso è confuso con il tour manager o con lo stage manager. Anche queste due figure sono importantissime ma ne parleremo tra qualche giorno, in articoli dedicati.

5 – Consulente
Lavora e decide, assieme a voi, cos’è meglio per la band. A volte ci sono delle scelte difficili da prendere e il Manager, da esterno, può consigliarvi il meglio per migliorare la vostra crescita.

6 – Sinonimo di Serietà e Professionalità
Se a proporvi è un Manager, la band, sembra molto più seria e professionale, perché trasmette determinazione e serietà del progetto; è un biglietto da visita importante sia per proporvi a etichette e agenzie varie ma anche per voi perché il manager, avendo più esperienza nel muoversi in questo settore, molto difficile, vi eviterà inutili perdite di tempo prezioso e soprattutto farà di tutto per evitare che andiate incontro a investimenti economici sbagliati.

Uno dei grossi problemi delle band emergenti è che danno il ruolo del loro manager alla fidanzata, all’amico o al cugino, più che altro per un discorso di “fiducia” ma se la persona che scegliete, non è più che qualificata, rischierete di fare il peggio per la band stessa e rischiare di rovinare i rapporti personali.

Il Manager non va visto come il vostro segretario che spedisce le email alle etichette che voi gli avete suggerito o per trovarvi un amico grafico che dovrà farvi l’art book del disco.
Peggio di amici e parenti sono agenzie che forniscono i pacchetti tutto incluso; una singola persona che si occupa di booking, management, ufficio stampa e in tutto questo, nel suo roster, segue decine di band.
Nell’ambiente della musica emergente, purtroppo, le possibilità economiche sono molto ridotte ma non per questo si deve trascurare questa figura, ed è per questo motivo che la maggior parte delle band che navigano nell’underground, dopo anni di delusioni e insuccessi, tendono a sciogliersi.
Una band, con un buon manager alle spalle, ha più possibilità di uscire dall’underground perché sa cos’è meglio per i suoi ragazzi.

E tu, hai un manager con le giuste competenze ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *